Carnavà du Gueini

Salbertrand

folklore and traditions

I Salbertrandesi  godono della nomea di Guéini  per la loro propensione a fare festa … in questo senso il carnevale di Salbertrand  tiene perfettamente fede al soprannome che portano i suoi abitanti.
Il carnevale di Salbertrand a differenza degli altri carnevali tradizionali della Valle (Champlas du Col, Bardonecchia, Lajetto di Condove) non si è mai spento, si è piuttosto rinnovato,  ed è ancora molto sentito dalla Comunità.
Accanto alla sfilata dei carri allegorici si inseriscono ancora oggi antiche tradizioni e rituali propiziatori quali la distribuzione dei turtiòu, la lettura del testamento del carnevale e il falò del fantoccio del carnevale, accanto alla musica moderna, le melodie tradizionali della “Müsiccä”, i musicisti della banda musicale di Salbertrand.

La festa ha inizio la domenica e si apre con una sfilata che attraversa le vie principali del paese ed è composta dai carri allegorici e da un carro attrezzato con stufa, su cui vengono cotti i turtiòu (frittelle di acqua, farina e sale) che vengono distribuiti in cambio di soldi, cibi o bevande.

Il martedì sera si ripete la sfilata accompagnata dalla musica e dal fantoccio del carnevale che viene fatto saltare e danzare tra il pubblico.
Il fantoccio del carnevale (Carnavà), chiamato pagliaccio, è una figura importante del carnevale di Salbertrand. Viene realizzato ogni anno dai giovani del paese utilizzando sacchi di juta,  paglia o fieno. Spesso, ad esso si accompagna un pupazzo simile ma più piccolo, il “Piccolo Carnevale" (Pchì Carnavà).
Al termine della sfilata del martedì grasso, il fantoccio viene messo al centro della piazza e viene letto il testamento, in cui sono riportati, in forma di satira, tutti gli avvenimenti degni di nota accaduti nell’arco dell’anno; successivamente il fantoccio viene bruciato e, accompagnati dalla musica della banda, si balla girando e saltando intorno al falò.

  10050 Salbertrand
tel: 0122 854 595
info@comune.salbertrand.to.it |

Il Carnavà du Gueini si svolge ogni anno la domenica e il martedì grasso.

View as a list