Cattedrale di San Giusto

Susa

Arte sacra

La chiesa abbaziale di San Giusto di Susa, attuale cattedrale, venne consacrata il 18 ottobre 1027. Il 9 luglio 1029, Alrico, Vescovo di Asti, suo fratello Olderico Manfredi, marchese di Torino e la contessa Berta moglie di Manfredi, sottoscrissero l'atto di fondazione del monastero benedettino ad essa annesso.

L'edificio subì nel 1321 il rifacimento gotico dell'area absidale, mentre risalgono alla metà del Quattrocento i pinnacoli e le decorazioni in cotto del campanile.
Nel 1581 i monaci benedettini vennero sostituiti dai Canonici Regolari Agostiniani Lateranensi e due secoli più tardi, il 3 agosto 1772, papa Clemente XIV decretò l'erezione della Diocesi di Susa, di cui San Giusto divenne Cattedrale.

L'edificio conserva numerose tracce delle decorazioni ad affresco che si sono succedute nel tempo: all'esterno, sulla fiancata meridionale, sono visibili un interessante fregio romanico a monocromo e la lunetta con la crocifissione, risalenti al 1130 circa; sulla medesima facciata sono presenti anche altri affreschi, risalenti al XV secolo, tra cui un arcone decorato con raffigurazioni di profeti.

Nel transetto destro, è possibile vedere le trecentesche vele con raffigurazioni dei padri della chiesa, mentre all'interno del basamento del campanile si conserva un altro interessante ciclo pittorico romanico raffigurante un velario, un guerriero e alcune fiere.

  Piazza San Giusto, 10059 Susa
tel: 0122/622640
museo@centroculturalediocesano.it |

La cattedrale di San Giusto è aperta e visitabile liberamente tutti i giorni dalle 8.00 alle 19.00. Visite guidate su richiesta.

Visualizza come lista

  • 28 Dicembre 2018: Concerto di Capodanno a Susa